Le materie liceo musicale e le competenze che si acquisiranno

Il liceo musicale è una scuola secondaria di secondo grado introdotta dalla riforma Gelmini del 2010, entrata a pieno regime a partire dal biennio 2014 e 2015 e da non confondere con il più conosciuto Conservatorio che appartiene alla formazione scolastica del nostro Paese da parecchio tempo.

Il liceo musicale, al termine del percorso di studi, rilascia un diploma specifico che consente l’accesso alla formazione universitaria e rappresenta un giusto compromesso tra le ambizioni musicali di uno studente ed una solida formazione culturale di base.

Il ciclo di studi si compone di un biennio iniziale ed del successivo triennio durante i quali lo studente viene guidato verso l’apprendimento di competenze culturali comuni ad altri licei di pari grado (classico, scientifico, linguistico, artistico e scienze umane, di cui abbiamo già parlato) e verso l’acquisizione di nozioni più specialistiche legate all’area musicale.

Il candidato viene aiutato ad assimilare nozioni specifiche in ordine alla composizione, all’interpretazione e all’esecuzione di brani musicali consolidando altresì i concetti relativi alla storia della musica.

Lo studente, inoltre, al termine del percorso di studi avrà acquisito le competenze necessarie a suonare uno strumento principale e le nozioni di base relative alla produzione canora.

Al termine dei cinque anni di liceo i candidati saranno tenuti a sottoporsi ad un test valutativo costituto da una prova di lingua italiana, una più specifica in una disciplina caratterizzante, una prova pratica della durata di 20 minuti ed un colloquio orale.

Materie studiate a liceo musicale

Il percorso di studio nel dettaglio

Il quadro orario di tutti gli anni che compongono il ciclo di studi è di 1056 ore suddivise in 32 ore settimanali e si compone di materie comuni agli altri istituti di istruzione secondaria e di insegnamenti tipici dell’indirizzo musicale.

Primo biennio: materie comuni

Durante i primi due anni di corso l’impegno scolastico richiesto agli studenti è così costituito:

  • Lingua e letteratura italiana ( 4 ore settimanali);
  • Matematica (3 ore settimanali compresa una di informatica);
  • Biologia, chimica e scienze della Terra (2 ore settimanali);
  • Storia e geografia (3 ore settimanali);
  • Lingua e letteratura straniera (3 ore settimanali);
  • Storia dell’arte (2 ore settimanali);
  • Educazione motoria (2 ore settimanali);
  • Religione cattolica o attività alternativa (1 ora alla settimana).

Triennio: materie comuni

Nella seconda parte del ciclo di studi la maggior parte delle materie comuni agli altri licei rimane sostanzialmente invariata con esclusione delle seguenti variazioni:

  • Storia (2 ore settimanali);
  • Filosofia (2 ore settimanali);
  • Fisica (2 ore settimanali).

Non è più previsto né l’insegnamento di geografia né quello di scienze naturali mentre matematica passa da tre a due ore settimanali.

Materie specifiche dell’indirizzo musicale

Imparare a suonare uno strumento

Le discipline caratterizzanti l’indirizzo musicale del liceo sono comuni a tutti e cinque gli anni di studio e sono:

  • Storia della musica (2 ore settimanali);
  • Tecnologie musicali (2 ore settimanali);
  • Esecuzione ed interpretazione (3 ore settimanali nel biennio e 2 ore nel triennio);
  • Laboratorio e musica di insieme ( 2 ore nel biennio e 3 nel triennio);
  • Teoria musicale e composizione (3 ore settimanali).

Per quel che concerne l’obiettivo ed il programma di studio relativo ad ogni insegnamento specifico possiamo così riassumere le competenze:

  • L’insegnamento di “storia della musica” prevede l’acquisizione di competenze complete circa l’arte musicale di estrazione occidentale compresa la padronanza di opere significative (dal canto gregoriano ai giorni nostri) per ogni epoca storica;
  • L’insegnamento di “tecnologie musicali”, invece, si pone l’obiettivo di trasmettere allo studente tutte le competenze essenziali nel campo dell’acustica e dell’individuazione del fenomeno sonoro attraverso l’ascolto;
  • L’insegnamento di “esecuzione ed interpretazione”, invece, è di tipo pratico e riguarda il perfezionamento dello studio del primo e del secondo strumento scelto dallo studente;
  • L’insegnamento di “laboratorio e musica d’insieme” riguarda l’acquisizione di nozioni teoriche e pratiche per l’esecuzione musicale di gruppo;
  • L’insegnamento di “teoria musicale e composizione”, infine, è finalizzato al consolidamento della lettura e della scrittura della musica con approfondimento dei codici del linguaggio e delle regole musicali.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO