Materie ragioneria: la scuola pensata per i futuri contabili

Il corso di studi di ragioneria è molto interessante e completo e porta a tantissimi possibili sbocchi lavorativi. Le figure del contabile e del ragioniere saranno sempre richieste quindi si tratta di un corso di studi ancora molto apprezzato.

Con il corso di ragioneria si arriverà a entrare a far parte del mondo della gestione economica e aziendale, e c’è da dire che per tutti coloro che ne sono in grado, il lavoro è del tutto assicurato. Le attività di un ragioniere sono molteplici, ma le approfondiremo nello specifico.

materie ragioneria

Le materie che si studiano al corso scolastico di ragioneria

Le materie che vengono trattate nel corso di studi di ragioneria spaziano da quelle più classiche e obbligatorie in ogni istituto o liceo (che sia classico, scientifico, linguistico, artistico o delle scienze umane), a quelle caratterizzanti e professionalizzanti, come abbiamo visto per turistico e alberghiero.

Le materie di ragioneria sono le seguenti-

  • Italiano e Storia, comuni in ogni istituto e di fondamentale importanza per lo studio della letteratura e di tutti i poeti e gli scrittori che hanno caratterizzato i nostri periodi e di tutti gli eventi storici che hanno riguardato il nostro e gli altri paesi. Un occhio quindi alla storia ma anche alla contemporaneità.
  • Matematica, anch’essa inclusa in tutti gli istituti, tuttavia in questo caso con delle peculiarità più indicate sotto il punto di vista della contabilità.
  • Lingue straniere, che tendenzialmente cambiano da scuola a scuola. La lingua sicuramente inclusa in ogni istituto è l’inglese, a cui si può associare il francese o il tedesco.
  • Informatica, che verte principalmente sullo studio dei programmi che si utilizzano nel mondo della contabilità. Una forte importanza ha la suite Office, tra cui Excel, con i fogli di calcolo, che rivestono un ruolo fondamentale nel lavoro del ragioniere.
  • Diritto, a partire dal primo anno di studi, incentrato sulle scadenze fiscali e tutti gli oneri che un contabile deve assolutamente conoscere in quanto saranno parte integrante della sua professione futura.
  • Economia, anch’essa strettamente collegata al diritto, tanto che alcuni istituti decidono di fissare delle ore di compresenza delle due materie in cui si affrontano tematiche comuni.
  • Economia aziendale, incentrata sull’economia che caratterizza l’azienda nello specifico.

Le materie di ragioneria includono anche un fattore pratico: la stessa scuola deve promuovere non solo lo studio delle cose in teoria, ma è obbligata a organizzare delle attività formative e professionalizzanti che si riveleranno di fondamentale importanza per il proprio futuro. Tra queste non possiamo non menzionare l’alternanza scuola lavoro, da diversi anni introdotta per sviluppare competenze trasversali e pratiche. In questo modo gli studenti potranno provare ad applicare ciò che hanno studiato sui libri in un contesto di lavoro reale.

informatica ragioneria

Gli sbocchi universitari del corso scolastico di ragioneria

Così come per la maggior parte delle professioni, esse possono essere arricchite da un percorso di studi universitari. Il naturale proseguimento del percorso del ragioniere sono gli studi di economia e commercio, ma anche un percorso legato al diritto tributario è un’opzione plausibile. Ci sono anche molti master, a cui si può accedere dopo il diploma o dopo la laurea triennale in economia, che sono molto interessanti per completare la propria formazione.

Gli sbocchi lavorativi del corso scolastico di ragioneria

Gli sbocchi lavorativi del corso scolastico di ragioneria sono davvero moltissimi, specialmente se al diploma si aggiunge la laurea in materia.
Uno degli sbocchi che si possono individuare è certamente la figura del ragioniere o del contabile, per cui non è neanche necessario proseguire gli studi, ma un ragioniere può tranquillamente aspirare a diventare un competente avvocato tributarista.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO